Le peggiori esperienze con strafighi

Sesso Tra Sfigati raccoglie anche esperienze negative di sesso con persone molto attraenti (strafighi o strafighe). Queste persone, spesso, sono afflitte da narcisismo, quindi non in grado di creare uno scambio gratificante col partner (leggi qui). Ce ne parla una lettrice. Non è dato di sapere se il racconto sia reale al 100%, però è davvero efficace. Buona lettura:

———————————————————————————————–

La persona di cui parlo è conosciuta e preferisco non dire nulla che possa identificarlo. È un figo della madonna, questo glielo riconosco. Il fatto è successo dopo una delle sue esibizioni pubbliche che fa in giro per l’Italia. Io ero presente e decisa a farmelo, ero andata lì apposta (scusate tanto). Non è stato difficile agganciarlo dopo che aveva finito di firmare autografi. Siamo finiti dietro le quinte e ho iniziato a praticargli del sesso orale. Non per vantarmi, ma gliel’ho fatto davvero bene.

__________

Giuro, davvero. Non gliene importava niente di me, del pompino, eccetera.

__________

Lui intanto gemeva. Però forse mi sarei aspettata di più. Sembrava troppo regolare, quasi tipo quando russi. Alla fine è venuto senza darmi alcun preavviso (quasi sempre i maschi ti dicono un “vengo” per farti capire che, se vuoi, puoi stare lì a bocca aperta oppure puoi scansarti). Lui manco per un tubo. Il suo prezioso liquido mi è finito un po’  sulle labbra, un po’ in faccia, un po’ sulla camicetta.

Lui si è tirato su le mutande e i pantaloni in fretta e ha detto una cosa che mi ha gelata: “Ti è piaciuto?”

A parte che avrei dovuto dirlo io. La fatica era stata tutta mia, il piacere tutto suo. Ma poi ho notato una cosa assurda: non aspettava minimamente la mia risposta. La domanda l’aveva fatta a se stesso!!! “Ti è piaciuto?” Giuro, davvero. Non gliene importava niente di me, del pompino, eccetera.

Stava intervistando se stesso.

Sono andata via in fretta senza salutarlo. “Ehi, ciao” mi ha detto distrattamente (forse era nel pieno dell’autointervista). A casa mi sono messa a lungo sotto la doccia sfregando come una pazza, mi sono lavata i denti, ho fatto degli sciacqui furiosi con collutorio.

È stata un’esperienza surreale.

“Ti è piaciuto?” ma vaffanculo!

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

————————————————————————————————–

Segui la pagina Facebook di Sesso Tra Sfigati.

Il profilo Instagram SessoTraSfigati Vs Estetica propone un modello di bellezza alternativo.

Leggi come contribuire a Sesso Tra Sfigati.

Commenta questo articolo, condividi tramite i bottoni social, leggi gli articoli correlati:  

 

Chi è Marco G?

Marco G.

L’unica foto disponibile di Marco G.

Chi è Marco G? Bella domanda! E’ un giovane con un fisico un po’ così, che fa collezione di storie con ragazze o donne ritenute poco attraenti. Ovvio a lui piacciono perché hanno magari un bel sedere, belle mani, qualche altro particolare. Gli basta questo, poi la mente parte e l’ormone cresce. 

Senza Marco G e le sue storie reali non sarebbe esistita neanche l’idea di Sesso Tra Sfigati. Il sesso tra inattraenti ci sarebbe stato, ma a nessuno sarebbe venuto in mente di raccontarlo. “Sfigati” qui non è in senso negativo, visto che i “fighi”  sono una minoranza. 

Marco G non è una persona adatta a fare l’influencer, perché non ha molta voglia di farsi vedere. Il selfie qui sopra è l’unica immagine che lo rappresenti.  Come si può intuire dalla foto, non è un tipo fisicato. Però si vanta di avere un buon sistema nervoso:

Da un po’ di tempo il sesso orale ha smesso di essere solo del sesso orale, ma è una macedonia di emozioni, un delirio totale. Mi succede da quando non mi trattengo più“.

Non trattenersi: ecco la soluzione a tutti i problemi, perché fare ciò significa APPREZZARE. Tra noi ci scambiamo più che altro emozioni, allora conviene lasciarle libere.  Continua a leggere

Far l’amore appena svegli come prima cosa?

l'amore appena svegli, tentazione

l’amore appena svegli: meglio subito o aspettare la “mediazione” del sapone e del dentifricio?

(Dedicato a tutti quelli che hanno fatto l’amore appena svegli almeno una volta)

PROBLEMA: il Risveglio non è una gara di bellezza, ma purtroppo è diventato un modo per ridicolizzare il prossimo. Il sistema è semplice: lo si immagina al mattino appena sveglio, spettinato, sporco, in disordine, senza trucco. Sarebbe la cosa più respingente e antisesso che ci sia. Invece:

  • Frase sbagliata: “dovresti vederla al mattino, appena sveglia.”
  • Frase corretta: “dovresti fartela al mattino, appena sveglia.”

Rischiamo di perdere quello che è un incredibile momento di intimità. Sesso Tra Sfigati ha raccolto alcune testimonianze. La domanda di base era: “l’amore appena svegli è sintomo di attrazione e di una vita sessuale più felice?”. Vediamolo da un  punto di vista al femminile.

—————————–

Testimonianza di Giovanna B. (pseudonimo NDR) – Che lui mi piacesse da morire all’alba, ne ho avuto conferma una mattina d’estate che mi sono svegliata presto. Lui era a pancia in giù e potevo vederlo bene. Le braccia e le gambe ognuna in una posizione diversa, come una sagoma disegnata per terra dalla scientifica.

Nella notte gli si era sollevata la maglietta e gli erano calate un po’ le mutande, potevo vedere un pezzo di schiena, il disegno delle costole e anche il solco del sedere. Non si sarebbe mai presentato in quel modo di sua volontà, ma così lo trovavo attraente, molto, come se fosse un mio giocattolo.

“Adesso ti faccio una bella sorpresa” l’idea è venuta spontanea. Dovevo sbrigarmi. Si stava agitando, biascicava. Conoscendolo, quello era il segnale che stesse per svegliarsi. Prima che succedesse dovevo aver già iniziato fargli del sesso orale alla grande.

Ero determinata, volevo farlo. Sarebbe stato un passaggio dallo zero del sonno ai 100 all’ora di un orgasmo devastante. L’idea mi eccitava, tanto che ho avuto la tentazione di masturbarmi. Solo che lui a quel punto ha detto “ciao” senza aprire gli occhi, ma come se fosse consapevole della mia presenza. Ho dovuto smetterla in fretta per dedicarmi a lui.

Per fortuna è magro come un chiodo e pesa poco. L’ho afferrato e sono riuscito a girarlo. È bastato tirare con decisione verso il basso per abbassargli del tutto le mutande. Continua a leggere