La Culona

 

La scrittrice bolognese Paola Rambaldi* ci delizia con un racconto di vita vissuta in cui la mania per la perfezione viene sconfitta da quella per una parte del corpo. Questo è il senso profondo di: “La Culona“. Buona lettura…

La Culona

Immagine da http://www.50sfumaturedioutfit.com/ fai click sull’icona per andare all’immagine originale

Il mio amico Angelo era sposato da una vita con la stessa moglie che non avrebbe mai lasciato per tutto l’oro del mondo. La  santa donna gli aveva sempre perdonato ogni scappatella senza rompere le palle.
Varie amanti si erano susseguite negli anni, sempre più giovani e sempre con dei fisici da paura. Dei fisici da copertina di Play Boy per intenderci. Era un fissato per la perfezione.
Io ero la sua confidente. Pranzavamo insieme tutti i giorni durante le pause lavorative e ogni volta mi diceva “Apri il cruscotto e guarda cosa c’è!” io aprivo e mi mostrava delle mutandine in pizzo o dei perizomini colorati che le donne gli lasciavano in pegno durante le cene al ristorante.
“Questo è di tizia” e giù a raccontare la  serata piccante.
“E questo invece è il perizoma di Caia, hai presente quella che faceva tanto la difficile?”
Poi un giorno raccontò di essersi incaponito per una culona, come la chiamava lui.

__________

…allargava le mani nel gesto di prenderla mimando i colpi pelvici…

___________
“Una culona?”
“Sì, non è brutta, perlomeno non sarebbe brutta se…”
“Se?”
“Se non avesse un culo grosso esagerato, ecco”.
“Ma non ti piacevano solo i sederini piccoli e sodi?”

Continua a leggere

Le “ballerine” perché devono essere “anti sesso”?

ballerine scarpe dettaglio sesso

dobbiamo avere paura di queste per il sesso? di un paio di ballerine?!?

Sfatiamo un luogo comune sul sesso!

MISTERO: uno dei grandi misteri della società occidentale è l’esistenza di parti del corpo o di indumenti che diventano anti sesso. Tra i più famigerati: i piedi, le caviglie, i gambaletti, i calzini… A questi si aggiungono le ballerine, cioè le scarpe senza tacco o con tacco bassissimo.

Il perché è quasi incomprensibile. Visto che l’antisesso si concentra tutto sulla zona delle estremità inferiori, molto lontano da pene, vagina, sedere, capezzoli, la cosiddetta zona calda (hot zone).

Ciò sembra ricadere nel Paradosso di Quarto Oggiaro (schifare tutta Milano perché ci sono periferie non belle). Invece, se vai a vedere, magari scopri un Duomo o una Galleria Vittorio Emanuele, che erano rimaste un po’ nascoste alla vista. 

COSA C’È DIETRO?

Difficile dirlo. Forse la ballerina penalizza il piede fasciandolo. Poi non farebbe risaltare la caviglia. Mortificherebbe o nasconderebbe quindi, questi aspetti importanti della femminilità. 

POI PERÒ SUCCEDE UNA COSA: non appena una donna mostra il piede e la caviglia partono subito le critiche: il piede non ha la curva giusta, la caviglia non è abbastanza fine, eccetera. Una follia. Continua a leggere

Quello che i bagnanti non dicono… seno cadente

Non c’è nulla che non vada, anzi…

L’estate è passata, ma ovunque ci siano ombrelloni, mare, piscine o saune chiunque passi viene sommerso di critiche dal gruppetto dei “gossippari”. Nel gruppo c’è sempre qualcuno che (senza dirlo) la pensa in modo differente. In questo caso vengono prese di mira le forme un po’ abbondanti su un costume ridotto, soprattutto il seno.  Subito dopo descriviamo i pensieri nascosti di chi applica i principi del Sesso Tra Sfigati.

Attenzione, questo articolo può contenere descrizioni di sesso esplicito, ma sempre improntate a una sessualità positiva e non pornografica.

VOCI CRITICHE:

Guarda, guarda che roba! Ma che costume si è messa? Forse per evidenziare le tette cadenti, non c’è altra spiegazione. E poi con quei fianchi larghi un bikini aderente è sconsigliatissimo, soprattutto alla sua età e con quei chili in più. L’unica è mettersi un pareo coprente … Anzi, un vestito da suora sarebbe meglio. Che patetica!

PENSIERO NASCOSTO:

Diciamola tutta: io vedo una gran scollatura pazzesca. Metà delle sue tettone escono fuori dal costume, rese ancora più gustose dal contrasto tra il bianco latte interno e il colore dorato dell’abbronzatura.

Lo stesso effetto che le si crea tra cosce, pube e ventre e che invita a toglierle tutto e ad andarle a fondo.

__________

… un viso pieno di efelidi, quasi fosse una ventenne.

__________ Continua a leggere

Quelle cosce toniche… com’è nata l’attrazione

 

coscia muscolosa uomo (cosce toniche)

Anche un po’ meno di così, sarebbe buon un inizio

Nota: un primo racconto di emozioni vissute sul genere – sempre positivo – di Sesso Tra Sfigati (cui seguiranno altri). Qui si parla di come sia importante un particolare per la conoscenza intima di una persona. A volte è sufficiente a farti impazzire, senza alcun ricorso a video porno o ad altri mezzi artificiali.

(Di Marta S.) Come ci si fa intrigare da un paio di cosce toniche? A me è successo e mi ricordo di quando abbiamo dormito assieme. Era il primo dei nostri incontri: l’ho pregato di rimanere in mutande. Mi sono quasi inventata che il pigiama non è una cosa elegante (ah, ah!).

Veramente adesso, che era un po’ mio, volevo avere a portata di mano le sue cosce toniche e muscolose, accarezzarle tutte le volte che ne avessi voglia. Entrare a mano aperta nell’interno e andare su e giù, dal ginocchio fino all’inguine.

__________

A volte basta un particolare ed è già tanta roba…

__________

Se poi si fosse eccitato, beh ero lì a disposizione.

Le ho apprezzate subitissimo le sue cosce toniche, anche se poi il resto sembrava sbagliato. Come se avesse fatto nella vita solo movimenti per il quadricipite e il resto fosse debole. Però era interessante così, ed era molto. A volte basta un particolare ed è già tanta roba…

__________

sostenevano i colpi di reni più estenuanti

__________

In automatico, guardandole, mi erano partite varie fantasie. Per fortuna era estate, stagione di calzoncini corti che mettevano in mostra la sua attrattiva principale. L’estate non mentiva, era sincera nel farmi vedere ciò che mi piaceva vedere.

Poi me l’ero immaginato mentre mi prendeva da dietro, in piedi. Mi sembrava che le sue cosce toniche fossero l’ideale, per sostenere il ritmo del sesso, per mantenere l’equilibrio, per favorire i colpi e parare i contraccolpi, nel caso fossi vicina all’orgasmo e iniziassi ad agitarmi come una pazza.

Sdraiati a cucchiaio con lui che aderiva alla mia schiena (come poi ho provato quasi subito) quelle cosce sostenevano i colpi di reni più estenuanti e difficili da reggere sia per me che per lui. Mettevano più qualità e intensità a ciò che avremmo fatto comunque.

Oramai era mio e io ero sua. Ci sarebbero stati tanti altri incontri molto caldi. Anche se a volte, tipo se lo guardo uscire dalla doccia, mi sembra sia la prima volta che vedo quelle cosce così toniche.  

STS

Condividi questo articoli coi bottoni social:

Estetica della caviglia. Cose che non devono succedere:

piede caviglia sulla sabbia

Va bene la caviglia, però siamo un po’ lontani dalle parti più “operative”.

PS: a fine articolo c’è una sezione dedicata agli esercizi pratici sul tema “caviglia & sessualità”.

CASO NUMERO 1: l’amico, parlando di una conoscenza comune, la definisce “inchiavabile” poiché ha le caviglie grosse.

CASO NUMERO 2: l’ammanicato di sinistra (ovviamente stronzo) descrive alla radio la bellezza della caviglia e di come una brutta caviglia rovini tutto l’interesse verso una donna.

CASO NUMERO 3: l’ammanicato di destra (diversamente stronzo) descrive come dev’essere la caviglia perfetta e di come si debba armonizzare col piede perfetto, altrimenti “non tira”.

Siamo alla follia. Sesso Tra Sfigati disapprova tutto questo e sostiene il principio che:

Un dettaglio non deve mai rovinare l’insieme, ma l’insieme può valorizzarsi da un dettaglio.

Non è che una caviglia bella non sia bella. Sicuramente slancia la figura, rilancia il piede e le gambe, può essere sintomo di attrattività, bellezza e classe.
Ma tutto ciò cosa c’entra con una sana eccitazione? Poco in realtà, almeno in apparenza.

Come sostiene Sesso Tra Sfigati, si tratterebbe di un feticismo sbagliato, cioè: il dettaglio che rovina l’insieme. Continua a leggere

La Coorte di Giustizia Europea condanna il “Pareo Coprente”

Donna che solleva un pareo coprente arancione

La rivolta contro l’idea di Pareo Coprente è cominciata

Con sentenza numero 342756/41Ter*, la Coorte di Giustizia Europea ha formalmente condannato il concetto di “Pareo largo per coprire i presunti difetti fisici” (Il cosiddetto “Pareo Coprente”).  

La causa era stata avviata da SANDRA MELLOWER, una 40enne italoamericana, considerata sovrappeso per i canoni estetici correnti. Sandra, come ha dichiarato alla stampa, ha alcune tendenze esibizionistiche, ma nella normalità. “Al mare mi piace indossare costumi aderenti e succinti, tutto qui. Amo la sensazione della pelle al sole e gli sguardi su di me”.

Amici, amiche, parenti e conoscenti le hanno spesso suggerito che si mettesse un pareo largo e non trasparente per mascherare le sue forme fisiche. L’azione è andata avanti in modo insistito per anni, estate dopo estate, fino a diventare una forma di stalking.

“Ho provato a rivolgermi alla giustizia italiana in sede civile, ma non ho avuto alcun riscontro. Finché un amico avvocato non mi ha indirizzato direttamente alla Coorte di Giustizia Europea”.

Il concetto di “PAREO COPRENTE” viene sanzionato tramite sentenza di primo grado con una multa di 436,00 euro convertibili in una settimana di servizi socialmente utili. I brand di abbigliamento sono diffidati dall’usare, in qualsiasi comunicazione commerciale, l’idea che il pareo abbia una funzione “mutilante del corpo”. Possono pubblicizzare e commercializzare l’indumento in tutte le altre forme purché nel rispetto delle leggi.

“È una sentenza piena di buon senso che ci riconcilia in parte con l’Europa delle regole spesso troppo astruse.” è stato il commento di Sesso Tra Sfigati. Facciamo in modo che il pareo coprente non diventi il nostro BURQA!

*Realizzato con la formula: Form Auto Keep Enter

STS

Condividi questo articolo:

Benvenuti in Sesso Tra Sfigati!

mano aperta uomo

Una sessualità normale e più a portata di mano (senza doppi sensi)

Benvenuti in Sesso Tra Sfigati! Un progetto che parla di una sessualità normale, per chiunque, a portata di qualsiasi mano.

Siete pieni di insicurezze? Solo pensando a voi stessi vi trovate decine di difetti?
Prendete un bel respiro… Fatto? Benvenuti, siete nel posto giusto.

 Però c’è posto anche per voi altri, per voi che:

  • Un dettaglio vi manda a monte l’eccitazione.
  • Usereste Photoshop sul 99% delle foto (perché c’è sempre un naso da correggere, un gluteo da assottigliare).
  • Vi mettete di lato perché il vostro lato sinistro non vi piace.
  • Evitate certe posizioni perché si formano dei rotolini.

 Anche voi siete nel posto giusto. Infatti, Sesso Tra Sfigati (STS) è basato sul seguente principio di positive body:

Un dettaglio non deve mai rovinare l’insieme, ma l’insieme può valorizzarsi da un bel dettaglio.

(In parole più grezze: anche solo un bel sedere risolve molte cose).

Eccitazione vuole dire Accettazione. Per fortuna ce ne sono tantissimi di motivi…

uomo donna abbracciati di schiena

aumentiamo le possibilità, semplicemente…

Andremo anche alla scoperta dei cosiddetti “inattraenti” per vedere quanto possano diventare attraenti. Lo scopo è di aumentare (per tutti) le occasioni di autostima. Sapendo bene che:

L’estetica può essere una nemica micidiale del sesso.

(Il fotoritocco ci ha fottuti e adesso fottiamo di meno).

STS è un progetto che comprenderà web, social network, editoria e vita reale. Ci saranno racconti, storie vere, storie hot, satira, contributi esterni, immagini, eventi, esercizi pratici.

Questo blog è ancora vuoto. A mano a mano verrà riempito a fondo e con soddisfazione. Per ricevere notifiche appena sfornate iscrivetevi:

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

 Poi rimanete connessi e tenetevi pronti…

Donna scollatura mani (Sesso Tra Sfigati)

Okay: pronti e con autostima in rialzo

STS

1 2 3 4