Patate che non lo fanno tirare: Kate Moss

Della serie: “Strafiga? No grazie”

Kate Moss leopardata

Kate Moss, qui un po’ intensa, un po’ Bardot, un po’ stravolta (da harpersbazaar.com click sull’icona per il link originale)

Sesso Tra Sfigati si batte per una sessualità normale e a portata di tutti, contro ogni tipo di insicurezza sul proprio aspetto fisico. Quindi è contro il concetto di “strafigo” o di “strafiga” così come ci viene propinato al giorno d’oggi. Dopo aver preso di mira Gabriel Garko, in quanto asciugatore vaginale, Sesso Tra Sfigati mette nel mirino la top model Kate Moss in quanto demolitrice di erezioni, raccogliendo il parere di un lettore:

———————

Kate Moss, adorabile Kate Moss, mi spieghi perché se al mattino mi sveglio e ce l’ho duro come il marmo, se penso a te rischio che mi passi l’erezione? Invece se penso a quella del bar sotto casa (alta 1 e 55 e normalissima) vado in bagno e in poche mosse rischio di venire?

Eppure hai quel viso unico al mondo, riconoscibile tra miliardi… Oddio, anche mio zio ha un viso unico al mondo, riconoscibile tra miliardi (se solo apparisse sulle riviste) non è questo il punto.

Tu hai quella combinazione di zigomi larghi, labbra sottili, denti piccoli, fronte spaziosa, occhi strani e sempre inespressivi. Se l’occhio vuole la sua parte, il tuo è vuoto come quello di un gabbiano che guarda il mare. Anzi, nell’occhio di un gabbiano ci si trovano molte più cose: sardine, volo, libertà, scogli, vongole.

Tu cosa lasci intravedere? Sfilate, sfilate, locali, sfilate, stilisti, noia, stravizi, shooting fotografici, yacht, sfilate, sfilate, sesso malato, Vogue, alcol. Malessere interiore, sfilate, Cosmopolitan, yacht, yacht, sfilate. Alla fine è tutto un po’ troppo noioso per avere un tiramento. Continua a leggere

Strafighi che te la fanno asciugare: Gabriel Garko

Gabriel Garko

Gabriel Garko (da: citynesws-torinotoday click sull’icona per l’immagine originale)

Lo strafigo o la strafiga non sempre sono arrapanti. I canoni estetici moderni possono avere l’effetto contrario: calo del desiderio sia maschile che femminile. Lorenza Figini* con la sua brillante scrittura, contribuisce alla questione e ci racconta dell’asciugamento intimo provocato da un bellissimo come Gabriel Garko. Lo fa interpellando una “testimonial” assolutamente informata dei fatti. L’attrazione vera, invece, si accende verso altri “manzi” meno perfetti. Buona lettura!

Ora caro Gabriel Garko devi portare pazienza, ma noi donne/femmine siamo un tantino complicate per non dire giusto un zic psicotiche. L’unico modo per farti comprendere è dare la parola a LEI, la nostra parte interlocutoria per eccellenza, la selvaggia, impudica, umorale e fin troppo sincera Vagina Nostra. L’ho intervistata e sia ben chiaro che declino ogni responsabilità, io sono un essere analitico, senziente e razionale, ma LEI… beh, è LEI.

IO – buongiorno cara, già sai di cosa ti voglio parlare.

 LEI (LA VAGINA) – Ma certo, del caro Gabriel Garko!

 IO – il tuo punto di vista a riguardo?

__________

È asettico dai! E’ tutto lustro, pulito…

_________

LEI –  Ma, per essere un bel manzo è un bel manzo, lo ospiterei giusto per curiosità, ma prima vai a comprarmi un lubrificante intimo.

 IO – Ma dai!

 LEI – Senti bella: ho le mie esigenze. Tu fammi rivedere quella foto di Marlon Brando in canottiera, sudaticcio e comincio ad emettere umori che nemmeno le Niagara Falls. Pure quando era già squartato e panzone, me lo sarei fatto senza ritegno.

 IO – Mah…

LEI – Zitta che non capisci una piva di cosa mi fa ingrifare. Uno così che ti mette a pecora e magari ti ammolla anche un paio di sculacciate, è una cosa pluriorgasmica siderale… Ecco, vedi,  sto già cominciando a stillare. Continua a leggere