Una di 40 anni non è una Milf (di Marco G.)

Una di 40 anni che fisicamente non c'entra nulla col concetto di Milf

Una di 40 anni che fisicamente non c’entra nulla col concetto di Milf

Chi è Marco G? E’ un giovane con un fisico un po’ così, che fa collezione di storie con ragazze o donne ritenute poco attraenti. Ovvio, a lui piacciono perché hanno magari un bel sedere, belle mani, qualche altro particolare. Marco G. è quindi uno che mette in pratica le idee di Sesso Tra Sfigati.

Marco G non è uno che va con chiunque basta respiri. E’ uno che ha capito quale sia il suo potenziale e quello di chi gli sta attorno.

Ci racconterà (in più puntate) delle sue avventure con una di 40 anni, che non assomiglia minimamente all’aspetto che si attribuisce alle cosiddette Milf. Buona scoperta!


C’è una quarantenne che mi fa sentire strano.  Lei non è una Milf, categoria che mi mette una gran tristezza. Io non  sono un toy boy, altra categoria che sfugge alla mia mente. Forse perché fisicamente non ci azzecco proprio, non ho il fisico glabro, con gli addominali a tartaruga ma non troppo, il capello scanzonato e la faccia da giovane coglione, ma vispa.

Il toy boy sono convinto l’abbiano inventato degli sceneggiatori di Hollywood in un momento che si erano fatti di qualcosa di allucinogeno. Hanno detto: “Wow, questa roba è potente, si venderà come il pane!!!” Così adesso abbiamo il toy boy. Sticazzi! 

Sono solo luoghi comuni: lei annoiata che vuole solo fare sesso e pretende la carnazza giovane, a un lui che si eccita a vedere il donnone leggermente sgualcito. Lei in vestaglia, tettone rifatte, vagina rigorosamente un po’ slabbrata, lui a torso nudo con un cazzo di 22 centimetri già pronto sotto i boxer e il glande gonfio che sa di frutto acerbo, come se fosse normale che la gente si incontri in così nella vita di tutti giorni.

Paola è diversa, io sono diverso, anzi: eravamo. Per raccontare la nostra assurda storia di sesso vorrei partire dalla fine, o meglio dall’incidente finale: 

Le cose andavano come speravo andassero. Nella nostra storia di sesso, lei col doppio dei miei anni, l’iniziativa era sempre stata mia: io proponevo la fantasia da realizzare, lei di solito accettava mettendoci qualcosa di suo.

Alla mia ultima “richiesta” mi aveva dato appuntamento in centro alle 17. Era un buon segno da un lato, era stranissimo dall’altro. Mi ero chiesto cosa avesse in mente. Di sicuro una sorpresa, tipo un appartamento o un alberghetto a ore preso per sollazzarci e fare ogni cosa con calma.

__________

Vado verso di lei con un passo sicuro, quasi una danza…

__________

Continua a leggere